U212 nfs

Il programma per il nuovo sottomarino U212 NFS (Near future submarine) diventa concreto a quattro mesi dalla cerimonia di inizio attività produttiva del 11 gennaio scorso, presso lo stabilimento Fincantieri di Muggiano, con la realizzazione del primo innesto di cinque ossature all’interno del mantello, in quella che da progetto sarà la sezione di prora 50.

Le lavorazioni che riguardano i mezzi subacquei richiedono tempistiche produttive molto più lunghe rispetto a quelle relative alle unità di superficie, proprio per l’uso speciale a cui sono destinati che deve essere rispondente ai requisiti dettati dalla Forza armata, ma soprattutto deve rappresentare un mezzo sicuro in grado di operare in un ambiente “ostile” come quello che si estende sotto la superficie marina. I sottomarini sono sottoposti a sollecitazioni dalle leggi della fisica e subiscono notevoli variazioni rispetto alla terraferma o alla superficie del mare. Per tale ragione, i processi costruttivi per la realizzazione dei sottomarini richiedono in media, lavorando a pieno ritmo, circa 5/6 anni.

Il programma U212 NFS, gestito dalla agenzia contrattuale di procurement sovranazionale OCCAR (Organizzazione congiunta per la cooperazione in materia di armamenti), prevede la costruzione di due mezzi subacquei a propulsione AIP (Air Indipendent Propulsion) – con l’opzionale futura implementazione di altrettante unità, a completa sostituzione dei 4 della classe Sauro giunti a parziale obsolescenza.

Le nuove unità sottomarine saranno estremamente all’avanguardia in innumerevoli settori, spaziando da quello della meccatronica, della disponibilità energetica, della cybersecurity, della tecnologia ad elevati standard sino a giungere a quello della sensoristica in acqua e in aria. In tale ottica sarà proprio l’industria italiana ad andare incontro alle esigenze operative della Marina militare prevedendo, ad esempio, tra le tante implementazioni a sostegno dell’eccellenza del Made in Italy, un Sistema di Combattimento integrato con relativa nuova struttura gestionale di comando e controllo delle armi interamente sviluppato da Leonardo, frutto di ricerca e studi – anche accademici – in territorio nazionale, la nuova suite di guerra elettronica sviluppata dalla ditta Elettronica, ed i nuovi sollevamenti a movimentazione elettrica e non più idraulica, della ditta Calzoni.

La consegna del primo sottomarino di nuova generazione è stimata, da programma, per l’anno 2027, alla quale seguirà quella del secondo nel 2029, a distanza di meno di due anni.

Marinalles (Centro allestimento nuove costruzioni navali), culla storica della messa in linea delle costruzioni subacquee e di superficie, ha all’attivo numerosi programmi per la realizzazione di mezzi destinati alla Marina. Nella fattispecie, il programma U212 NFS rappresenta davvero una svolta strategica e più in generale per la Difesa italiana, che potrà disporre di una componente subacquea ancor più moderna nel manifestare le proprie capacità di presenza, deterrenza e sicurezza negli scenari di rilevanza strategica appartenenti al dominio marittimo underwater. (Fonte SMD)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *